Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Chiudendo questo banner o cliccando su APPROVO acconsenti all’uso dei cookie Per saperne di piu'

Approvo
Accedi Registrati

Accedi

06 Mar

Macchine per printing e converting. Un 2016 da primato

Visite: 477

Grande ottimismo anche per l’anno in corso. Calcagni (ACIMGA): “Le tecnologie delle nostre aziende sono pronte per gli incentivi di Industria 4.0” Le imprese italiane delle macchine per il printing e il converting chiudono un 2016 da primato, con fatturato ed esportazioni a livelli mai prima raggiunti. 

I preconsuntivi, frutto dell’indagine svolta da ACIMGA (Associazione Costruttori Italiani di Macchine per l’Industria Grafica, Cartotecnica, Cartaria, di Trasformazione e Affini) segnano un balzo in avanti del 12,5%, a 2.610 milioni di euro, per il valore della produzione, e del 10,7%, a 1.717 milioni, per le esportazioni, che vanno ad attestarsi al 65,7% del fatturato. Se questa percentuale è in frazionale ribasso (di circa in un punto rispetto al 2015), la ragione è positiva perché sta riprendendo quota il mercato interno, che ha registrato consegne per 893 milioni di euro, con incremento del 16%, segno dell’efficacia determinata dal superammortamento del 140% varato dal governo per gli investimenti in beni strumentali. Per confronto, nel 2016 il fatturato è cresciuto del 44% rispetto ai livelli pre-crisi. Nel 2008 le vendite erano attestate a 1.820 milioni, 622 dei quali sul mercato nazionale.

“Le articolazioni per i singoli comparti, non ancora disponibili, consentiranno la lettura più precisa delle dinamiche di crescita - spiega Andrea Briganti, General Manager dell’Associazione -. Ma è corretto già adesso indicare come settore trainante quello delle macchine per il converting, con circa il 50%, seguito con dalle macchine per la stampa sul packaging, col quota del 35%”. Tutti gli indicatori in progresso a doppia cifra preludono a un 2017 che si annuncia ancor più favorevole, considerando che alla proroga del superammortamento, per l’anno in corso vanno ad aggiungersi gli incentivi - con iperammortamento del 250% - che agevoleranno le installazioni a tecnologia avanzata e interconnessa, previsti dal Piano Nazionale Industria 4.0. “Sul versante della crescita che sarà spinta dall’innovazione tecnologica siamo particolarmente ottimisti - spiega Marco Calcagni, presidente di ACIMGA - in quanto già oggi le macchine ‘made by Italy’ per il printing ed il converting rispondono in ampia misura alle caratteristiche di Industria 4.0, le cui funzionalità di connessione, controllo remoto e gestione di big data sono già realtà consolidata per i costruttori di tecnologie riuniti nella nostra Associazione”.

 

 
 

Votazione Globale (0)

0 su 5 stelle

Lascia i tuoi commenti

Posta commento come visitatore

0

Commenti

  • Nessun commento trovato